Home Cronaca Salerno. Parco del Mercatello torna ad antichi splendori con vecchi problemi

Salerno. Parco del Mercatello torna ad antichi splendori con vecchi problemi

di Alfonso Pelosi

“Torna, finalmente, fruibile il Parco del Mercatello. Dopo una pulizia straordinaria dell’area e la sistemazione di alcune zone pericolose, il Parco è aperto da stamattina.”
Così, il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, annuncia la riapertura di uno dei più grandi polmoni della città di Salerno.
Quest’ultimo, situato nella zona orientale, congiunge tre quartieri Mariconda, Mercatello e il Quartiere Europa; fortemente voluto dai cittadini in passato per riqualificare una zona all’epoca destinata prevalentemente ad abitazioni.
In seguito all’inchiesta che ha coinvolto le cooperative e il comune di Salerno riguardo tutti i parchi costringendone la chiusura per l’impossibilità della gestione stessa, tuttora si aprono alcune diatribe e pensieri diversi sulla questione in merito.

Attori principali della vicenda sono la Casa della Sinistra, Semplice Salerno-Primavera Salernitana, Sinistra Italiana, Possibile, M5S, CittadinanzAttiva Salerno e Hormé Liberi Di Crescere.
con lo striscione affisso vicino ad una delle entrate più importanti del sito: “Riapertura parziale…Abbandono totale”

La denuncia condanna la chiusura plurimensile di questi luoghi pubblici, la cattiva manutenzione e la precarietà del lavoro di chi dovrebbe prendersene cura. Non basterebbe, a questo punto, riaprire parzialmente questi luoghi, senza che vi sia una effettiva gestione e fruibilità, poichè spazi così importanti andrebbero incentivati, valorizzati e costantemente tenuti sotto controllo direttamente dal Comune di Salerno. Intanto, il parco rimane aperto al pubblico, attualmente, esclusivamente dalle 08:00 alle 16:00, con superficiali e ordinari lavori di pulizia.

La domanda, a questo punto, rimane aperta: Lasciare che il parco, così come altri rilevanti spazi pubblici, rimanga parzialmente aperto, lasciando che il suo potenziale venga smarrito nell’inerte tentativo di garantirne la mera apertura o cercare di modificare rimodellandone la struttura e la gestione aggiungendo anche il polmone della zona orientale alla collezione dei gioielli salernitani?
Lasciare che la respirazione avvenga normalmente per assicurare solamente che la città possa parlare o allenare il diaframma affinchè Salerno possa anche cantare nuove melodie?

Alfonso Pelosi

Vuoi sostenerci?

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.
Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori.
Sostieni l'informazione di qualità, sostieni EsodoMondo.it!





Articoli correlati

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.