Home Cronaca Covid: la truffa dei falsi positivi

Covid: la truffa dei falsi positivi

di Alessandro Urciuolo

Nell’intervista al giornale Radio Rai, il comandante del gruppo tutela della salute dei carabinieri di Milano, Salvatore Pignatelli ha dichiarato che sono in corso controlli dei Nas in tutto il nord Italia su farmacie e punti tamponi, che sono tenuti a controllare l’identità delle persone che si sottopongono al test, essendo un trattamento sanitario che si conclude con un referto. Sono state attivate 11 squadre dei Nas con lo scopo di verificare che l’identità delle persone tamponate venga accertata con tessera sanitaria ma anche con documento di identità. Infatti, delle volte per accelerare la prassi non veniva riscontrata l’identità della persona. Questo dava la possibilità alle persone di presentarsi con la tessera sanitaria di altri. Il fatto più grave che si è registrato è quello di sottoporre a tampone persone positive con più tessere sanitarie in diverse farmacie, per far emettere Green pass a nome di soggetti non immunizzati. Infine, il comandante ringrazia le farmacie per la massima collaborazione.

Vuoi sostenerci?

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.
Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori.
Sostieni l'informazione di qualità, sostieni EsodoMondo.it!




Articoli correlati

Rispondi