Home Mondo Germania, la Russia blocca il gasdotto Yamal-Europe: al via ai piani di emergenza

Germania, la Russia blocca il gasdotto Yamal-Europe: al via ai piani di emergenza

di Loredana Lovisi

Nella tarda serata di martedì 29 marzo, i flussi di gas che attraversano il gasdotto Yamal-Europe presso il punto tedesco di Mallnow sono improvvisamente scesi a zero, bloccando la fornitura di metano. Si tratta del gasdotto che dalla Polonia arriva in Germania, trasferendo circa 10 miliardi di metri cubi di metano all’anno.

Al momento non è chiaro se lo stop del gasdotto sia un blocco temporaneo o definitivo. La Germania resta fortemente dipendente dal gas russo, come del resto anche l’Italia, e questa è una potente arma in mano a Putin, il quale slitta per un problema tecnico il pagamento delle materie prime in rubli, dando ancora la possibilità di poterle pagare in euro.

Intanto la Germania, a fronte di questo improvviso blocco del gasdotto, reagisce attivando un piano d’emergenza per gestire le forniture energetiche ridotte: la task force avrà il compito di riunirsi quotidianamente, monitorando la situazione. Inoltre, il ministro dell’Economia tedesco, Robert Habeck, ha esortato aziende e consumatori a ridurre il consumo di energia ove possibile.

Vuoi sostenerci?

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.
Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori.
Sostieni l'informazione di qualità, sostieni EsodoMondo.it!




Rispondi