Home Cronaca Covid19: slitta la rimozione dell’obbligo di mascherina

Covid19: slitta la rimozione dell’obbligo di mascherina

di Gianluca Canfora

A dispetto delle precedenti dichiarazioni l’aumento dei contaggi ha portato ad una modifica del decreto Riaperture per quanto riguarda l’uso della mascherina FFP2.

Il 1°Maggio era la data considerata definitiva per lo stop totale all’obbligo della mascherina FFP2 al chiuso. In serata però una direttiva del Ministro Speranza e l’approvazione di un emendamento al decreto Riaperture farà slittare, in alcuni casi, l’obbligo fino al 15° Giugno.

Dove sarà obbligatoria la mascherina dal 1°Maggio

Dal 1° Maggio e, per ora, fino al 15° Giugno la mascherina al chiuso sarà obbligatoria:

  • negli Ospedali e nelle strutture socio-sanitarie in generale;
  • A Scuola fino alla fine dell’anno scuolastico;
  • A bordo di tutti i mezzi del trasporto pubblico locale e a lunga percorrenza;
  • Cinema, Teatri, Palazzeti dello Sport e Sale da Concerto.

Nei luoghi di lavoro privati valgono i protocolli tra imprese e sindacato. Quello attuale anti-Covid sottoscritto ad aprile 2020 e rinnovato un anno fà, prevede l’obbligo di mascherina. Imprese e sindacati si vedranno il 4 maggio per verificare se prorogare o modificare le attuali regole, che restano in vigore fino a quella data. L’obbligo potrebbe restare o ci si potrebbe limitare a una semplice raccomandazione.

Perchè questo slittamento??

L’aumento dei contaggi sembra essere il motivo principale che ha spinto a questa decisione. Attualmente non sono stati ancora forniti numeri precisi sul contaggio ma secondo i dati statisci sembra che i nuovi casi siano quasi raddoppiati rispetto alla settimana 11-17 Aprile.

C’è da chiedere se un prolungamento dell’obbligo della mascherina apporterà dei reali benifici nel rallentare l’aumento dei contagi o se si tratta di una misura di facciata per accontentare chi chiede misure più severe rispetto all’aumento dei contagi.

Il Green Pass che fine farà?

Per quanto riguarda il Green Pass non sembrà ci siano state modifiche.

Il decreto del 17 marzo scorso ha fissato, alla data del 1° maggio, l’eliminazione del green pass per:

  • bar, ristoranti, anche al chiuso;
  • mense e catering continuativo;
  • spettacoli al chiuso (cinema e teatri) e eventi sportivi;
  • centri benessere;
  • attività sportive al chiuso;
  • spogliatoi;
  • convegni e congressi;
  • corsi di formazione;
  • centri culturali, sociali e ricreativi, al chiuso;
  • concorsi pubblici;
  • sale gioco, sale scommesse, sale bingo, casinò;
  • feste al chiuso e discoteche;
  • mezzi di trasporto.

Resta obbligatorio fino al 31 dicembre 2022 per i visitatori di RSA, hospice e reparti di degenza degli ospedali.

Fonti : https://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp , https://github.com/ , https://www.ilsole24ore.com/

Vuoi sostenerci?

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.
Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori.
Sostieni l'informazione di qualità, sostieni EsodoMondo.it!




Rispondi